Alfredo Di Domenico: ho segnalato 479 buche a Napoli

Alfredo Di Domenico-Napoli. Fonte foto: ilfattoquotidiano.it

Alfredo Di Domenico-Napoli. Fonte foto: ilfattoquotidiano.it

E’ una specie si supereroe moderno, Alfredo. E’ un napoletano doc la cui originale attività consiste nel segnalare le conseguenze del dissesto stradale: le buche. Un Bukaman tutto italiano, Alfredo Di Domenico, che ogni giorno indossa la sua divisa, felpa bianca con il nome d’arte ben in vista e pantaloni arancioni, e parte per le strade della città partenopea infilandosi nelle buche che incontra sul suo cammino.

Quando il dissesto stradale è particolarmente grave oppure si trova dinanzi ad una vera e propria voragine, Alfredo non perde tempo, si sdraia accanto e si fa fotografare con un bel sorriso, mettendo ironicamente in evidenza il risultato della incuria e superficialità da parte di chi ha il dovere di intervenire e invece non lo fa.

La strana “passione” di Alfredo nasconde le paure di un padre come tanti che, una sera, risponde ad una chiamata che lo avvisa dell’incidente di sua figlia, che è caduta dal motorino proprio a causa di una buca sul manto stradale. Per fortuna la ragazza riporta soltanto una frattura al braccio, ma quell’episodio fa convincere Alfredo che vi è necessità di intervenire, fare qualcosa per evitare che succedano incidenti ancora più gravi per colpa delle tante buche disseminate per le strade di Napoli. Da qual giorno Alfredo, munito di macchina fotografica e taccuino, non si lascia sfuggire una sola buca e fino ad ora ne ha segnalate ben 479!

Il Bukaman napoletano dichiara di essere piuttosto insistente: “Mi fermo soltanto quando prendono in carico la mia denuncia e si decidono ad intervenire”. Eppure, sottolinea Di Domenico, il Comune di Napoli ha varato un Pronto intervento stradale per riqualificare almeno l’85% delle strade entro i primi sei mesi del 2016.

Sempre Alfredo ci tiene a sottolineare come, nella maggior parte dei casi, risulti precaria la “messa in sicurezza”, cioè la delimitazione della zona in pericolo per la presenza di buche, voragini. o altre insidie. Ad esempio, per delimitare un cedimento in Via Nevio (una delle strade panoramiche di Napoli) qualcuno ha pensato bene di utilizzare un bidone della spazzatura! Insomma, l’hobby a cui Alfredo si dedica quando non lavora come infermiere è davvero utile e chissà, forse un giorno potrebbe diventare una professione di tutto rispetto.

Articolo realizzato da Cristiana Lenoci

Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>