Allerta Sms sugli smartphone Android: è un virus malware pericoloso

malware mazar via sms

malware mazar via sms, foto bbc.com

Gli Sms stanno sempre più spesso lasciando il posto ai più immediati messaggi via Whatsapp, ma sono comunque ancora ampiamente utilizzati e possono rappresentare un veicolo per la trasmissione di virus malware potenzialmente pericolosi. E’ il caso del virus che sta circolando nelle ultime settimane, un pericoloso malware in grado di prendere possesso degli smartphone con il sistema operativo Android, ad eccezione dei telefonini che usano l’alfabeto cirillico e la lingua russa. E’ bene prestare attenzione agli sms, in quanto è così che si diffonde: il messaggio arriva da un link chiamato mmsforyou . net, che non va assolutamente aperto per evitare un’immediata violazione della propria privacy con il rischio di vedersi sottrarre credito telefonico.

E’ stata la società di informatica Heimdal a lanciare per prima l’allarme in merito al nuovo virus malware diffuso via sms, creato da hacker senza scrupoli per infettare attraverso il messaggio apparentemente innocuo, decine di migliaia di dispositivi mobili. Malware al quale è stato dato un nome, Mazar, che non solo consentirebbe agli hacker di prendere possesso dello smartphone cancellando tutti i dati in esso contenuti ma di sfruttare il dispositivo anche per fare telefonate o inviare messaggi a pagamento, arrivando ad una vera e propria violazione della privacy attraverso la lettura dei messaggi contenuti nel device o monitorando il traffico web.

La società ha comunicato che almeno 100mila persone nella sola Danimarca avrebbero ricevuto l’sms contenente il virus, nascosto in un link presente nel messaggio all’apparenza multimediale. Ma quando il malcapitato tenta di aprire il link, viene scaricato un software tor sullo smartphone, con l’immediata abilitazione di connessioni anonime a internet attraverso le quali viene effettuato, all’insaputa del proprietario del dispositivo, il download del malware. Solo i russi sarebbero al sicuro, il che lascerebbe dedurre che la nazionalità degli hacker possa essere proprio russa: Mazar è stato infatti progettato per non colpire i dispositivi la cui lingua selezionata è il russo.

Daniele Orlandi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Daniele Orlandi

Giornalista pubblicista, mi occupo di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collaboro con testate giornalistiche (quotidiani e settimanali, cartacee e online) e sono specializzato in comunicazione sul web, S.E.O., contenuti editoriali indicizzabili sui principali motori di ricerca, comunicazione in real time. Lavoro da tempo con il team di Articoliinvendita, occupandomi della creazione di contenuti editoriali per il web e la carta stampata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>