Allerta virus: Ransomware attacca e ruba i dati dai Pc

virus ransomware dati pc criptati

virus ransomware dati pc criptati, foto reddit.com

Ruba i dati del Pc per poi chiedere un riscatto. E’ Ransomware, un pericoloso virus informatico che attaccando centinaia di dispositivi

Chi utilizza il Pc per lavoro ma anche nel tempo libero, deve mantenere sempre la massima attenzione per quanto riguarda i potenziali virus che potrebbero introdursi nel proprio dispositivo. Anche perchè quasi quotidianamente ne vengono creati di nuovi e, alcuni virus più di altri, si diffondono con grande rapidità da un computer all’altro, creando danni su vasta scala. E’ il caso di Ransomware, un virus che in queste settimane sta creando problemi a centinaia di utenti, in grado di sottrarre dati dai Pc per poi chiedere un vero e proprio riscatto. Il nome del virus in questione deriva proprio dall’unione delle due parole ransom, che significa riscatto e malware, che identifica un programma malevolo. Sono diversi e numerosi i dati rubati da Ransomware nelle ultime settimane, a cominciare da documenti di Office alle immagini, fino ai file Pdf.

Come spesso accade, la sua diffusione avviene sotto forma di allegato di una mail, spacciato per un programma chiamato Cryptolocker, nascondendo un virus che chiede alla vittima anche il pagamento di un riscatto, una volta criptati i dati sul Pc. Riscatto che ammonta ad una cifra compresa tra 500 e 1000 dollari, pagabili in bitcoin; una volta che lo sfortunato utente paga la somma di denaro richiesta, gli viene fornita una chiave che consente di effettuare la decodifica dei file attaccati dal virus; alcuni utenti hanno confermato che Ransomware ha loro chiesto il pagamento entro un limite di tempo prefissato che, se superato, porta all’eliminazione del codice necessario al decriptaggio.

Si tratta inoltre di un virus ‘contagioso’, considerato che può prendere di mira anche eventuali periferiche collegate al computer come chiavette Usb o hard disk esterni, con il rischio di andare a danneggiare anche eventuali dati di backup. Dietro al virus vi è un algoritmo di cifratura molto forte, che rende impossibile decodificare autonomanente i file criptati: l’unico modo è pagare, peraltro senza garanzia alcuna di ricevere informazioni in merito alla chiave di sblocco.

Massima attenzione dunque, come già più volte raccomandato, nell’apertura degli allegati delle email. Anche quei file pdf che apparentemente potrebbero sembrare innocui possono nascondere un potenziale serio pericolo per il vostro Pc, nascondendo un file eseguibile dannoso che potrebbe dare il via in modo irreversibile al processo di criptaggio…

Daniele Orlandi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Daniele Orlandi

Giornalista pubblicista, mi occupo di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collaboro con testate giornalistiche (quotidiani e settimanali, cartacee e online) e sono specializzato in comunicazione sul web, S.E.O., contenuti editoriali indicizzabili sui principali motori di ricerca, comunicazione in real time. Lavoro da tempo con il team di Articoliinvendita, occupandomi della creazione di contenuti editoriali per il web e la carta stampata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>