Chef Bruno Barbieri truffato, condannata una donna

truffa chef bruno barbieri

truffa chef bruno barbieri

Ha violato l’account di posta elettronica dello chef Bruno Barbieri, per questo una donna di Torino è stata condannata per truffa

E’ riuscita ad introdursi nell’account di posta elettronica del famoso chef Bruno Barbieri sottraendogli dei soldi. Per questo una donna residente a Torino, a processo con l’accusa di truffa, è stata condannata con prove schiaccianti a suo carico; la vicenda risale allo scorso 13 novembre quando la 33enne nigeriana Iziengbe Omoregbe riiuscì a violare, con l’aiuto di un complice, l’account di posta elettronica del giudice di Masterchef inviando alcune email dal suo indirizzo. I due infatti sfruttarono l’accesso per preparare ed inviare una richiesta di bonifico di 30mila euro alla direttrice della banca bolognese presso la quale Barbieri ha un conto corrente.

Il metodo utilizzato per truffare Barbieri

La donna ed il suo complice avevano studiato ogni mossa e sapevano che lo chef era solito utilizzare questo metodo per richiedere bonifici, così nell’email hanno finto che Barbieri si trovasse fuori città per un’emergenza familiare e avesse urgenza di ricevere il denaro. Ma la truffa ha avuto vita breve perchè, grazie all’ausilio delle telecamere, le forze dell’ordine ci hanno messo poco ad individuare la nigeriana mentre, insieme al complice, prelevava il denaro richiesto da uno sportello bancomat. Dopo una prima richiesta infatti, la coppia di truffatori non contenta ha inviato una seconda email alla direttrice della filiale della Banca Popolare dell’Emilia Romagna, con un’ulteriore richiesta di 40mila euro. La direttrice a quel punto ha deciso di contattare direttamente Barbieri per chiedere conferma, dopo essersi insospettita per la grande quantità di denaro richiesta dallo chef nell’arco di poche ore.

Scoperto il raggiro, condannata la donna

Ma Bruno Barbieri era all’oscuro di tutto e così, scoperta la truffa, è scattato l’allarme: la direttrice però aveva già inviato la prima tranche del denaro richiesto, conoscendo le abitudini dello chef stellato e nel frattempo il denaro era già stato prelevato dai malviventi, effettuando 14 prelievi da altrettanti sportelli bancari. Prelievi in piccole somme, dunque, dai 300 agli 8000 euro, ed effettuati in meno di tre ore per intascare il denaro nel più breve tempo possibile. Le forze dell’ordine hanno utilizzato le telecamere per individuarli. Nelle ultime ore è arrivata la condanna ad 1 anno e 10 mesi di reclusione con l’accusa di riciclaggio, oltre al pagamento di 2000 euro di multa, inflittagli dal gup Stefano Vitelli; la donna ha scelto, assistita dall’avvocato Manuel Perga, il patteggiamento mentre ad oggi il suo complice rimane ignoto.

Daniele Orlandi

Giornalista pubblicista, mi occupo di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collaboro con testate giornalistiche (quotidiani e settimanali, cartacee e online) e sono specializzato in comunicazione sul web, S.E.O., contenuti editoriali indicizzabili sui principali motori di ricerca, comunicazione in real time. Lavoro da tempo con il team di Articoliinvendita, occupandomi della creazione di contenuti editoriali per il web e la carta stampata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>