Come non farsi rubare la bici, consigli utili per evitare i furti

Furto bicicletta

Furto bicicletta, foto ansa.it

Ad un gran numero di persone è capitato di subire il furto della bicicletta. E’ possibile evitare che questo accada? Come non farsi rubare la bici? scopriamolo in questa utile guida anti-furto
Come non farsi rubare la bici ? è la domanda che si pongono le tante persone che quotidianamente utilizzano la bicicletta per recarsi alla stazione dei treni, della metropolitana o per raggiungere il posto di lavoro e fare la spesa. E che devono fare i conti con il rischio che venga rubata. L’antifurto il più delle volte non è sufficiente e se i malintenzionati decidono di rubare la vostra bici, riusciranno ad aggirare il blocco e portarla via. Chi deve lasciare quotidianamente la propria bici incustodita per diverse ore, è ben consapevole del rischio ed un gran numero di persone hanno provato il dispiacere di scoprire che il proprio mezzo a due ruote è stato rubato. Cerchiamo dunque di capire come non farsi rubare la bicicletta, attraverso una serie di consigli utili per evitare di perdere il proprio mezzo. La prevenzione è infatti fondamentale: è un errore risparmiare sull’acquisto dell’antifurto o prestare poca attenzione a come parcheggiare la bici. E’ invece importante, qualora si debba lasciare la bicicletta in luoghi poco sicuri, impegnarsi per proteggerla nel miglior modo possibile e contrastare il rischio furti. Vediamo dunque come non farsi rubare la bici o ridurre ai minimi termini il rischio che ciò accada.

– Legate la vostra bici a supporti saldi e alti, in maniera che non si estraggano da terra e che la bicicletta non si sfilabile dall’alto. Molto spesso infatti non si presta attenzione a questo accorgimento e, pur utilizzando la catena, il mezzo viene ugualmente rubato.

– Non limitatevi ad una sola catena. E’ meglio utilizzare un doppio antifurto, ovvero una catena rinforzata per assicurare le ruote ed un lucchetto ad U non troppo grande, per evitare che si possa infilare qualcosa per rubare il mezzo tra l’antifurto e il telaio.

– utilizzate preferibilmente biciclette di seconda o terza mano, di scarso valore, specialmente se dovete lasciarla in stazione oppure cercate di cammuffare il vostro mezzo, dandogli un aspetto vissuto in modo da renderlo meno appetibile e ridurre al minimo il rischio di furti.

come non farsi rubare la bici? optate per i depositi per biciclette. Sempre più stazioni ne sono dotate, si tratta di parcheggi ad hoc per biciclette recintati ed in alcuni casi custoditi, che a fronte di una minima spesa consentono di proteggere il proprio mezzo mentre non ci siete.

– infine una serie di consigli pratici: legate la vostra bici in luoghi il più possibile frequentati e ben distanziata da altre biciclette in modo che sia ben visibile e che se qualcuno si avvicina per cercare di rubarla si noti. Allentate la leva di bloccaggio della ruota anteriore in modo che se qualcuno tenta di sollevarla o se vi sale sopra, la ruota si sgancia attirando l’attenzione. E infine, personalizzate la vostra bici con adesivi e accessori: una marchiatura che permette, nel caso venga rubata, di rendere il mezzo riconoscibile. E’ anche un deterrente per il furto in quanto i ladri puntano di solito sulle biciclette anonime, che risultano più appetibili.

Daniele Orlandi | Tutti i diritti riservati

Daniele Orlandi

Giornalista pubblicista, mi occupo di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collaboro con testate giornalistiche (quotidiani e settimanali, cartacee e online) e sono specializzato in comunicazione sul web, S.E.O., contenuti editoriali indicizzabili sui principali motori di ricerca, comunicazione in real time. Lavoro da tempo con il team di Articoliinvendita, occupandomi della creazione di contenuti editoriali per il web e la carta stampata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>