Cozze pericolose in allevamento abusivo, maxi sequestro a Napoli

Allevamento di cozze

Allevamento di cozze – foto di repertorio, notizienazionali.net

Cozze avariate e molto pericolose per la salute trovate a Napoli. I carabinieri hanno sequestrato 50 tonnellate di molluschi

In un allevamento abusivo di Napoli i carabinieri hanno sequestrato 50 tonnellate di cozze avariate, potenzialmente pericolose per la salute umana. Si trovavano nel molo di sovraflutto, lato ‘Vigliena’ dello scalo, in una zona limitrofa al porto cittadino: qui le forze dell’ordine hanno trovato la grande quantità di molluschi, disposti su due filari e in sospensione su 20 grandi bidoni di plastica. Il proprietario dell’allevamento abusivo di cozze, teneva i bidoni semiaffondati nell’acqua perchè sfuggissero ai controlli, creando potenziali pericoli alla navigazione proprio perchè i bidoni non erano ben visibili.

Sul posto oltre ai carabinieri che stanno indagando per individuare chi ha installato il campo abusivo senza autorizzazione, sono intervenuti i vigili del Fuoco e il Servizio veterinario dell’Asl Napoli 1, che ha prelevato alcuni campioni di cozze per analizzarle e verificarne la salubrità; le analisi dovranno far luce sulla presenza di batteri pericolosi per la salute come salmonella, e.coli, norovirus ed epatite e di metalli pesanti come cadmio, piombo e mercurio. Le 50 tonnellate di cozze sono state distrutte, facendole affondare sul fondale, ad oltre 50 metri di profondità.

Daniele Orlandi | Tutti i diritti riservati

 

Daniele Orlandi

Giornalista pubblicista, mi occupo di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collaboro con testate giornalistiche (quotidiani e settimanali, cartacee e online) e sono specializzato in comunicazione sul web, S.E.O., contenuti editoriali indicizzabili sui principali motori di ricerca, comunicazione in real time. Lavoro da tempo con il team di Articoliinvendita, occupandomi della creazione di contenuti editoriali per il web e la carta stampata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>