Dilaga la truffa della corrente elettrica nel Bolognese

Truffa corrente elettrica

Truffa corrente elettrica, foto seielettrotecnica.it

L’hanno già soprannominato il raggiro della luce che salta. E’ una truffe della corrente elettrica che sta prendendo piede nel Bolognese, a Zola Predosa

Lo schema si ripete con costanza, i tentativi di truffa si sono moltiplicati. Accade nel Bolognese e per la precisione nel comune di Zola Predosa dove da qualche tempo viene messa in atto una nuova forma di raggiro. La truffa della ‘luce che salta’ o della corrente elettrica, come è ormai conosciuta, si svolge secondo un copione  ben strutturato: improvvisamente la luce di casa salta e inevitabilmente chi vi abita deve uscire per controllare il quadro elettrico generale e verificare se sia saltato. In realtà il raggiro della corrente elettrica ha inizio proprio nel momento in cui il proprietario si allontana per alcuni minuti dalla propria abitazione per andare a controllare la luce; trattandosi di pochi minuti, in molti lasciano infatti la porta di ingresso aperta e in questo modo i malintenzionati hanno la possibilità di entrare nell’appartamento lasciato vuoto e portare via tutto il possibile .

Talvolta la truffa viene messa in atto con una variante: i ladri fanno scattare l’allarme antifurto della macchina appartenente ad un condomino, intrufolandosi nella sua abitazione mentre si trova fuori. Molte segnalazioni da parte di vittime raggirate in questo modo sono arrivate nei giorni scorsi dal paese della provincia di Bologna, dove la truffa della corrente elettrica è stata messa in atto in più di un’occasione. Tanto da spingere l’Amministrazione comunale a mettere in guardia i residenti, con un invito “rivolto a tutti i cittadini affinchè prestino la massima attenzione, soprattutto durante il periodo estivo che, più di ogni altro, registra tentativi di furto e truffe varie“. A tal proposito, si legge nel comunicato rivolto alla popolazione “si invitano inoltre i cittadini che avessero segnalazioni a rivolgersi al Comandante dei Carabinieri di Zola Predosa o alla Polizia Municipale (051 61.61.750 – poliziamunicipale@comune.zolapredosa.bo.it“. Massima attenzione anche nei vicini comuni e non solo: questo tipo di truffe dilagano molto rapidamente di città in città.

Daniele Orlandi | Tutti i diritti riservati

Daniele Orlandi

Giornalista pubblicista, mi occupo di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collaboro con testate giornalistiche (quotidiani e settimanali, cartacee e online) e sono specializzato in comunicazione sul web, S.E.O., contenuti editoriali indicizzabili sui principali motori di ricerca, comunicazione in real time. Lavoro da tempo con il team di Articoliinvendita, occupandomi della creazione di contenuti editoriali per il web e la carta stampata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>