Facebook e la truffa del finto tasto ‘non mi piace’

truffa non mi piace facebook

truffa non mi piace facebook, foto tech.fanpage.it

Nuova truffa via Facebook, sfrutta il recente annuncio di Zuckerberg relativo all’introduzione del nuovo tasto ‘non mi piace

A breve Facebook sarà arricchito da una nuova interessante funzione ovvero il tasto ‘non mi piace‘; è stato Mark Zuckerberg ad annunciare ufficialmente la grande novità accolta dagli utilizzatori del social network più famoso al mondo con curiosità ed interesse in quanto sarà possibile esprimere una sorta di empatita nei confronti di un post riguardante, ad esempio, notizie drammatiche o spiacevoli. Ma anche un gruppo di cyber criminali ha aguzzato le orecchie e colto la palla al balzo per sfruttare il nuovo tasto che presto sarà presente su Facebook, per costruire un virus ad hoc e mettere in atto l’ennesima truffa online. Nella fattispecie gli scammer hanno approfittato della novità per creare una sorta di invito da inviare agli utenti, con l’obiettivo di convincerli a cliccare per ottenere in anteprima il tasto ‘non mi piace’ sul loro profilo.

Chiaramente si tratta di una truffa che però, data l’impostazione dell’invito, può trarre in inganno molte persone: la nuova feature richiede infatti una condivisione della pagina in pubblico, oltre che in cinque gruppi di conversazione, con la scusa che al momento il pulsante ‘non mi piace‘ sarebbe unicamente accessibile mediante un sistema ad inviti. E per partecipare bisogna, riporta la truffa, cliccare sul relativo link. Ma come segnalato dal sito dedicato alla sicurezza informatica Hacktread, non viene attivata alcuna nuova funzione su Facebook; l’utente viene invece inconsapevolmente indirizzato su siti malevoli nei quali sono presenti virus e trojan in grado, se non bloccati da appositi programmi, di sottrarre dati sensibili.

Nella fattispecie l’utente viene obbligato a compiere alcune azioni prima che il countdown si esaurisca per poter avere l’accesso anticipato alla funzionalità; successivamente verrà indirizzato su una nuova pagina nella quale dovrà compilare alcuni questionari con domande relative a dati sensibili. Tali dati verranno usati per l’invio mirato di spam all’utente stesso ma anche alle caselle email dei suoi contatti. Insomma una frode online in piena regola, una truffa che ad oggi ha già colpito decine di utenti anche in Italia, alcuni dei quali si sono ritrovati anche con malware installati sul proprio sistema operativo.

Diffidate da questo tipo di messaggi: le nuove funzioni di Facebook vengono introdotte e lanciate solo in via ufficiale, con aggiornamenti automatici che non richiedono alcuna operazione da parte dell’utente, cliccare su link esterni al social network, nè tantomeno la compilazione di questionari.

Daniele Orlandi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Daniele Orlandi

Giornalista pubblicista, mi occupo di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collaboro con testate giornalistiche (quotidiani e settimanali, cartacee e online) e sono specializzato in comunicazione sul web, S.E.O., contenuti editoriali indicizzabili sui principali motori di ricerca, comunicazione in real time. Lavoro da tempo con il team di Articoliinvendita, occupandomi della creazione di contenuti editoriali per il web e la carta stampata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>