Falsa cieca per l’Inps, si scopre che lo è davvero

LogoINPS

Si è conclusa bene la brutta avventura giudiziaria di una donna di 60 anni di Mesagne (Brindisi), che nel 2012 ha ricevuto la notifica di un avviso di conclusione delle indagini preliminari per truffa da parte dei Carabinieri. Stando a quello che dichiara l’accusa, la donna, disoccupata e nubile, affetta da cecità, ha truffato l’ente previdenziale percependo indebitamente la pensione di invalidità dal 1998.

La signora sembrerebbe uno dei tanti falsi invalidi che di tanto in tanto l’Inps, dopo indagini e accertamenti di vario tipo, riesce a scovare. La Procura avvalora la tesi della falsa invalidità con le immagini della signora che saluta persone per strada, fa la spesa con disinvoltura e conta pure i soldi dal portafoglio. Insomma, assume atteggiamenti che fanno pensare ad una persona che non ha affatto problemi di vista.

Il consulente di parte, ordinario di Oftalmologia all’Università di Bari, dottor Carlo Sborgia, ha rilevato che la signora ha un difetto visivo dall’età di 14 anni e ora, nonostante un residuo visivo all’occhio destro, deve comunque considerarsi una “cieca totale”, in quanto tale bisognosa di accompagnamento. Circa il contenuto delle foto, il dottor Sborgia sostiene che, nel corso degli anni, la signora è riuscita ad organizzarsi nello spazio in modo tale da essere ed apparire una persona del tutto autosufficiente.

Il consulente del gip ha convalidato queste osservazioni, per cui il pm incaricato dell’indagine, Luca Buccheri, ha chiesto che il procedimento venga archiviato. Non vi sono gli elementi per poter contestare alla signora di Mesagne di aver truffato l’Inps fingendosi una falsa cieca.

Cristiana Lenoci 

Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>