Falsa email con virus dall’Agenzia delle Entrate, diffidate da “Le linee Guida”

Agenzia delle Entrate truffa via email

Agenzia delle Entrate truffa via email

In questi giorni diverse persone hanno ricevuto una mail chiamata “Le linee Guida” ed apparentemente inviata dall’Agenzia delle Entrate. Ma è un falso e l’allegato contiene un virus

Una nuova truffa corre via web. E’ quella delle false email provenienti, almeno all’apparenza, dall’Agenzia delle Entrate e contenenti un virus potenzialmente pericoloso. La comunicazione riguardante la mail truffa è stata data recentemente dall’Agenzia delle Entrate con un comunicato nel quale si invita a non aprire email denominate “Le linee guida” contenenti un allegato. Proprio nell’allegato, un file word, infatti si nasconde un virus che se aperto potrebbe creare danni al computer o a smartphone e tablet. Una truffa escogitata ad hoc in questo periodo nel quale i contribuenti devono effettuare il pagamento delle imposte. La mail ha un titolo ingannevole poichè presenta nell’oggetto la denominazione “Le linee guida” e sembrerebbe essere stata inviata dal Fisco e contenere informazioni riguardanti le modalità per evitare il famoso Redditometro. L’idea alla base della truffa è rendere l’email simile alle guide fiscali che l’Agenzia delle Entrate ha recentemente realizzato per i contribuenti in merito a variazioni nei rimborsi fiscali e nelle modalità di pagamento. Si tratta però di guide scaricabili unicamente sul sito ufficiale, che non vengono dunque inviate a mezzo posta elettronica; una vera e propria minaccia dal web dunque, alla quale bisogna prestare attenzione cestinando l’email qualora la si riceva, segnalandola come spam ed evitando di aprire il file word in allegato.

Di seguito il comunicato stampa diffuso nei giorni scorsi dall’Agenzia delle Entrate: “L’allegato contiene un virus pericoloso per il pc. L’email “Le Linee Guida” che sta circolando in queste ore, e che riporta all’interno il  logo delle Entrate, è un falso. Inoltre il file allegato, in formato word, contiene un virus  e, se aperto, può compromettere la sicurezza del computer del destinatario. L’Agenzia invita quindi i contribuenti che stanno ricevendo questo messaggio a non inoltrarlo ad alcuno e a eliminarlo senza aprire l’allegato, che conterrebbe presunte  istruzioni utili a evitare i controlli legati al redditometro. Le Entrate sottolineano di essere completamente estranee a questi messaggi, che sono spesso volti a ottenere illecitamente dati personali dei cittadini”.

Daniele Orlandi | Tutti i diritti riservati

Daniele Orlandi

Giornalista pubblicista, mi occupo di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collaboro con testate giornalistiche (quotidiani e settimanali, cartacee e online) e sono specializzato in comunicazione sul web, S.E.O., contenuti editoriali indicizzabili sui principali motori di ricerca, comunicazione in real time. Lavoro da tempo con il team di Articoliinvendita, occupandomi della creazione di contenuti editoriali per il web e la carta stampata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>