Falsi invalidi, dalla sedia a rotelle allo shopping coi tacchi

20140308_tacchispillo

Ecco un’altra storia molto all’italiana. Il problema dei falsi invalidi è abbastanza comune nel nostro Paese, nonostante i controlli siano diventati più frequenti ed efficienti. Questa storia, poi, assume contorni alquanto bizzarri.

La protagonista della vicenda è una donna di Latina, dichiarata invalida al 100%, scoperta mentre andava in giro per la città munita di stampelle o sulla sedia a rotelle. In realtà, quando era lontana dalla città e sicura di non essere vista da conoscenti e amici, la furbetta di 55 anni faceva shopping per negozi e passeggiava senza alcun ausilio e addirittura con i tacchi a spillo. La donna è stata ripresa da un video che riporta le immagini di lei, invalida al 100%, che si gode lo shopping e una passeggiata serale lontana (lei pensa) da occhi indiscreti.

I Carabinieri del Nas di Latina hanno scoperto la falsa invalida nell’ambito di una serie di controlli effettuati per rilevare eventuali truffe al Servizio sanitario nazionale da parte di percettori indebiti di assegni di invalidità. I militari dell’Arma hanno subito provveduto a denunciare la donna. Ma a finire nei guai è stato anche un medico chirurgo in pensione, non iscritto all’Albo dei medici, che aveva redatto false attestazioni sanitarie per ottenere il riconoscimento dell’invalidità.

Sulla donna e  il medico compiacente che scriveva falsi certificati pende ora un’accusa di truffa ai danni del Servizio Sanitario Nazionale.

Cristiana Lenoci

 

Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>