Finto disoccupato, percepiva l’indennità ma aveva beni per un milione di euro

Finto disoccupato

Finto disoccupato

Un uomo di 46 anni, finto disoccupato, riceveva da anni l’assegno di disoccupazione pur possedendo auto di lusso, casa e addirittura un negozio.

Conduceva una vita da vero signore ma fingeva di essere disoccupato e per questo riceveva mensilmente l’assegno di disoccupazione. La scoperta, dopo lunghe indagini, è stata fatta dai Carabinieri della compagnia di Andria che nei giorni scorsi hanno effettuato un maxi sequestro preventivo di beni per un ammontare complessivo di un milione di euro. Il 46 enne infatti pur fingendosi disoccupato possedeva un appartamento di lusso, un negozio di articoli per la casa e tre auto di valore, oltre a due scooter. Ma non solo: il truffatore aveva anche due conti correnti bancari e possedeva delle quote societarie. Per questo i Carabinieri hanno eseguito l’ordinanza di sequestro preventivo, emessa dal tribunale di Trani. Ma il finto disoccupato è finito anche in manette con l’accusa di spaccio continuato di cocaina, hashish e marijuana ed è ora sotto processo.

Il 46enne dichiarava un reddito di appena 658 euro al mese, peraltro comprensivo dell’assegno di disoccupazione e di assegni familiari. Ma secondo quanto emerso dagli accertamenti patrimoniali, possedeva beni mobili e immobili del valore complessivo di un milione di euro e, negli anni, avrebbe anche acquistato e rivenduto 29 automobili e 13 moto. Il sequestro preventivo è stato possibile in quanto, secondo quanto previsto dalla legislazione antimafia, i beni dei quali l’interessato non sia in grado di dimostrare la legittima provenienza possono essere sequestrati. Si tratta dunque di una nuova truffa ai danni dello Stato e la casa, i veicoli e il negozio appartenuti al finto disoccupato entreranno a far parte del patrmonio dello Stato stesso in seguito alla confisca definitiva, nel caso in cui l’uomo venisse condannato. Di truffe in Italia ne vengono messe a segno numerose e nelle maniere più disparate: in questo articolo vi parliamo di un maxi sistema di falsi ricoveri.

Daniele Orlandi

Daniele Orlandi

Giornalista pubblicista, mi occupo di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collaboro con testate giornalistiche (quotidiani e settimanali, cartacee e online) e sono specializzato in comunicazione sul web, S.E.O., contenuti editoriali indicizzabili sui principali motori di ricerca, comunicazione in real time. Lavoro da tempo con il team di Articoliinvendita, occupandomi della creazione di contenuti editoriali per il web e la carta stampata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>