Isee, gli evasori sottraggono 2 miliardi all’anno

ISEE

In Italia i furbetti le studiano tutte per evadere le tasse e ottenere contributi e agevolazioni non dovute. Da una recente indagine dell’Associazione per la legalità e l’equità fiscale (Lef) emerge che basta nascondere al Fisco piccole somme per alterare in maniera significativa le graduatorie del welfare, sottraendo alle famiglie oneste che dichiarano tutto ben due miliardi all’anno.

Per intenderci, con un’evasione di 10 mila euro si può ottenere un vantaggio fino al 70%, rispetto a chi, trovandosi nella medesima situazione, dichiara tutto.

Per fare un esempio, una famiglia con due figli minori, reddito di 31.600 euro, abitazione in proprietà e patrimonio mobiliare di 8 mila euro, se evade 1000 euro ha un vantaggio illegale del 4%, che sale a 17 con un’evasione di 5 mila euro, al 34% con 10 mila euro e raggiunge addirittura il 68% con venti mila euro in nero.

Dal prossimo 8-9 Giugno entreranno in vigore nuove regole e alcuni trucchetti saranno impossibili da mettere in atto grazie ad un sistema più efficiente di controlli e all’acquisizione diretta delle informazioni dagli archivi delle dichiarazioni dei redditi oppure dai rapporti dei contribuenti con le banche.

Fino ad oggi le dichiarazioni dei redditi ai fini dell’Isee erano sottostimate rispetto a quanto il cittadino dichiarava. Basti pensare che l’80% dichiarava patrimoni mobiliari, tra conti e titoli, pari a zero.

Cristiana Lenoci

Daniele Orlandi

Giornalista pubblicista, mi occupo di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collaboro con testate giornalistiche (quotidiani e settimanali, cartacee e online) e sono specializzato in comunicazione sul web, S.E.O., contenuti editoriali indicizzabili sui principali motori di ricerca, comunicazione in real time. Lavoro da tempo con il team di Articoliinvendita, occupandomi della creazione di contenuti editoriali per il web e la carta stampata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>