Maxi truffa Novartis, frode da 2,7 mln ai danni dello Stato

Novartis

Novartis

Inchiesta con perquisizioni e un dirigente indagato per il gruppo farmaceutico Novartis, che avrebbe truffato lo Stato per 2,7 milioni di euro

E’ una truffa di enormi proporzioni quella che il gruppo farmaceutico Novartis avrebbe messo in atto ai danni dello stato. L’inchiesta riguarda la fornitura, da parte di Novartis, del vaccino contro l’influenza aviaria A(H1N1) al ministero della Salute avvenuta nel 2009 con una truffa legata al risarcimento versato dallo Stato all’azienda nel 2012 in seguito allo stop della fornitura. Nell’ambito dell’indagine sono state effettuati perquisizioni, da parte dei carabinieri del Nas di Firenze, in coordinamento con la procura di Siena, nelle sedi della Novartis a Origgio, in provincia di Varese e a Siena e Francesco Gulli, amministratore delegato della divisione vaccini, risulta indagato con l’accusa di truffa aggravata. Il danno all’erario per la maxi truffa messa in atto da Novartis è stato stimato in 2,7 milioni di euro. La vicenda risale al 2009 dopo l’allarme legato all’influenza aviaria e allo sviluppo e distribuzione del vaccino proseguita fino al 2010 quando il ministero chiese l’interruzione della fornitura del vaccino in seguito al cessato allarme pandemia.

Il contratto stipulato con Novartis prevedeva la fornitura di 24 milioni di dosi di vaccino, per un ammontare di 184 milioni di euro. Nel 2010 però il ministero chiese di interrompere la fornitura: erano stati versati 97,6 milioni di euro per le 12 milioni di dosi acquistate mentre per il risarcimento dovuto a Novartis per lo stop della produzione vennero erogati 19,8 milioni di euro. La truffa allo Stato da 2,7 milioni messa in atto da Novartis sarebbe appunto legata al calcolo del risarcimento versato dall’erario alla casa farmaceutica, che sarebbe stato calcolato sulla base del prezzo gonfiato di proposito, di un componente del vaccino ritenuto essenziale, ovvero l’adiuvante MF59. Per aumentare il costo sarebbero state emesse una serie di sovrafatturazioni tra le società del gruppo.

Daniele Orlandi

Daniele Orlandi

Giornalista pubblicista, mi occupo di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collaboro con testate giornalistiche (quotidiani e settimanali, cartacee e online) e sono specializzato in comunicazione sul web, S.E.O., contenuti editoriali indicizzabili sui principali motori di ricerca, comunicazione in real time. Lavoro da tempo con il team di Articoliinvendita, occupandomi della creazione di contenuti editoriali per il web e la carta stampata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>