Minacce online: 3 utenti su 4 non riconoscono i pericoli del web

Minacce online 3 utenti su 4 non riconoscono i pericoli del web

Minacce online 3 utenti su 4 non riconoscono i pericoli del web, foto datamanager.it

Un problema da non sottovalutare quello delle minacce online: una società di informatica rivela che 3 utenti su 4 non riconoscono i pericoli del web

Il mondo del web è pieno di insidie, vere e proprie minacce online che non vanno assolutamente sottovalutate, tanto più da parte di coloro che si connettono a Internet anche per operazioni delicate, come home banking o acquisti online. Ma secondo quanto reso noto dalla società di sicurezza informatica Kapersky, la quasi totalità degli internauti non ha adeguate competenze per riconoscere i pericoli online e dunque scaricherebbe un file nocivo, ignara dei rischi che questo potrebbe comportare. Secondo quanto emerso da un quiz somministrato da Kapersky a 18 mila utenti allo scopo di testare la loro capacità di riconoscere le minacce online, il 74% degli intervistati, ovvero 3 utenti su 4, non sono consapevoli degli innumerevoli pericoli del web, come virus e malware creati da hacker e malintenzionati.

Nel corso del test, oltre alle domande, è stato chiesto agli utenti di scaricare la canzone Yesterday dei Beatles ma solo il 26% ha effettuato il download del file sicuro. Inoltre il 21% degli utenti scarica file da siti di varia natura, inconsapevole del fatto che in molti casi potrebbero nascondersi fonti dannose e potenzialmente pericolose. Incapacità di riconoscere le minacce online che dunque non si limita esclusivamente al mondo della musica. Lo studio ha rivelato che solo il 24% degli utenti è riuscito a riconoscere una pagina web autentica distinguendola dalle pagine di pishing e che il 58% ha indicato siti falsi quando è stato chiesto di segnalare le pagine nelle quali avrebbero inserito i propri dati personali.

Come spiegato dal managing director di Kapersky Morten Lehn, sul web manca quell’istinto che emerge nella vita reale, quando nessuno si sognerebbe di contare il proprio denaro in un luogo pubblico. Allo stesso modo le minacce online vanno scovate e riconosciute, un’attività che, ha sottolineato, è oggi più che mai fondamentale. Anche perchè gli hacker mettono in atto strategie sempre più sofisticate per confondere gli utenti e sottrarre loro dati o denaro, basti pensare ad email di pishing di qualità sempre maggiore e l’incremento del fenomeno del ransomware, con il sequestro virtuale di pc o smartphone resi inutilizzabili dai pirati informatici che in questo modo possono ricattare la vittima.

Daniele Orlandi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Daniele Orlandi

Giornalista pubblicista, mi occupo di comunicazione in tutte le sue forme. Laureato in Comunicazione Digitale collaboro con testate giornalistiche (quotidiani e settimanali, cartacee e online) e sono specializzato in comunicazione sul web, S.E.O., contenuti editoriali indicizzabili sui principali motori di ricerca, comunicazione in real time. Lavoro da tempo con il team di Articoliinvendita, occupandomi della creazione di contenuti editoriali per il web e la carta stampata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>