Sono malata di tumore, aiutatemi: ma è una truffa

Elisabeth Edmunds

Elisabeth Edmunds, foto dailytelegraph.com.au

La trentunenne australiana Elisabeth Edmunds è madre di sei figli ed è ammalata di cancro. Per lei si mobilitano in tanti, in Australia. La donna ha un tumore alle ovaie in stato avanzato e chiede aiuto per sostenere cure abbastanza costose. In particolare c’è una persona, Jessica McKay che apre una pagina su Facebook per raccogliere fondi a favore di Elisabeth, detta anche “Elle”. Sul gruppo di volta in volta vengono pubblicate diverse foto che ritraggono Elle che si rasa i capelli con l’aiuto del suo compagno, dopo essersi sottoposta alla chemioterapia.

Nella pagina Help for Elle viene raccontata la storia della donna dal momento in cui lo scorso Aprile aveva scopeto di essere malata e i medici le avevano diagnosticato non più di tre anni di vita. Durante questo tempo Elisabeth avrebbe dovuto sostenere cicli di chemio costose mentre il suo corpo diventava sempre più provato e deperito dalla malattia.

Nel frattempo attraverso un sito collegato direttamente ad un conto in banca cominciano ad arrivare numerose donazioni: vengono raccolti oltre duemila dollari in poco tempo. Poi, il 31 Ottobre, l’amministratrice della pagina Help for Helle fa una scioccante rivelazione: ha scoperto che la drammatica storia di Elisabeth è falsa, e che la raccolta fondi è stata una truffa. Jessica McKay, chiamata in causa, si difende dicendo che lei stessa aveva creduto in buona fede alla storia di Elle e per questo aveva aperto una pagina Facebook e si era prodigata ad aiutarla. Tutti i soldi donati verranno devoluti al Cancer Council Australia, un ente che si occupa di ricerca, ma intanto è vergognoso pensare che si possa lucrare sulla solidarietà altrui. Voi cosa ne pensate?

Articolo realizzato da Cristiana Lenoci

 

 

 

Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>