Vacanza rovinata per 700 turisti, il traghetto è guasto

Vacanza rovinata

Vacanza rovinata

Disavventura per alcuni turisti italiani in procinto di partire per la Grecia. In settecento hanno prenotato un biglietto sul traghetto “Larks” della compagnia Egnatia Seaways con destinazione Grecia, ma la vacanza è stata rovinata a causa di un’avaria del mezzo. Mentre cinquecento turisti sono già ritornati a casa, duecento hanno atteso nella stazione marittima di Brindisi sperando di poter partire con una soluzione alternativa al traghetto e raggiungere la meta: Igoumenitsa.

Forze dell’ordine e Prefetto si sono incontrati per fare il punto della situazione, ma purtroppo hanno dovuto comunicare che non vi sono altre possibilità di imbarco perché su tutti i traghetti che effettuano la medesima tratta non vi è alcun posto. Anche nel porto greco di Igoumenitsa, dove la nave Larks è ferma per il guasto, vi sono circa duecento persone che stanno aspettando di ritornare in Italia.

Al momento non vi sono ancora notizie certe sulla ripresa della rotta e se verranno utilizzate altre imbarcazioni sostitutive della Larks per compiere la tratta. Nel mese di Luglio l’associazione di tutela dei consumatori Adoc di Lecce e Brindisi aveva segnalato disservizi e ritardi e, a quanto pare, lo stesso si sta verificando anche ad Agosto.

In caso di vacanza rovinata il turista può chiedere il risarcimento dei danni. In virtù del combinato disposto degli artt. 2059 c.c. e 32 della Costituzione Italiana è risarcibile il danno non patrimoniale subito. Il diritto leso consiste nell’interesse del turista a godere in maniera piena di un soggiorno di vacanza senza soffrire alcun disagio psicologico derivante dalla mancata realizzazione del programma di viaggio.

Il danno da vacanza rovinata non comporta necessariamente una perdita di tipo patrimoniale per il turista, ma può essere fonte di turbamento e disagio psichico a causa del mancato adempimento degli obblighi contrattuali assunti dall’organizzatore nel pacchetto turistico.

Con l’introduzione del Codice del Turismo del 2011 il legislatore ha disciplinato le varie cause che possono provocare un danno da vacanza rovinata, stabilendo che sono risarcibili due tipologie di danno: quello patrimoniale per le spese economiche sostenute e quello esistenziale (o morale), causato da stress e delusione per il pregiudizio subito.

Articolo realizzato da Cristiana Lenoci

Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>